lunedì 7 novembre 2016

Incipit: The Quick, di Lauren Owen




"Quando James era piccolo, la stanza dei giochi era popolata di gufi. Sulla carta da parati, nascoste in un intrico di rami, se ne intravedevano numerose coppie identiche. Più giù, se ne stava apopollaiato un trio di gufetti verdi, i becchi puntuti  socchiusi, stretti l'uno all'altro in mezzo a grandi fiori verdi spinosi dalle minuscole corolle binache che ricordavano a James i bottoncini di madreperla sul vestito della domenica di Charlotte. Quando era solo, James  era convinto di sentirli parlottare tra loro a mezza voce come scimmie, graffiando con insitenza quei rami perennemente verdi con i loro artigli. Ma quando c'era Charlotte si zittivano, perché lei aveva detto che, se non si fossero comportati bene, avrebbe preso la sua scatola di acquerelli e oscurato gli occhi a tutti.
La notte, James sentiva i gufi veri, fuori, e se li immaginava volare nell'oscurità. A volte udiva il grido di una volpe, un verso inquietante, come un cane che ride. E altre volte un rumore della casa, un sussurro scricchiolante, come se le pareti esalassero un sospiro."

4 commenti :

  1. L'ho letto il mese scorso! Carino, ma non mi ha fatta impazzirexD Aspetto di leggere la tua recensione:)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Diciamo che mi sta divertendo molto leggerlo,non riesco a staccarmi dalla pagine...sarà che adoro il gotico e le storie di vampiri vecchio stile, ma ne sto percependo il fascino. Per essere un esordio non è affatto male....Però devo ancora raccogliere i pensieri :-)

      Elimina
  2. E' sul mio comodino, ma mi spaventa la mole. In questo periodo prediligo libri che non superano le 350 pagine. Ad ogni modo lo leggerò, magari dopo aver letto la tua recensione.
    un caro saluto da LEa

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Lea, anche io ero spaventata per il volume del libro, infatti ho esitato un bel po'. Poi nel week end lungo di Halloween mi sono buttata, anche perché era decisamente una lettura in tema. Posso solo dirti che le pagine si leggono così velocemente da non renderti conto di come è scritto fitto. Troppo intrigante!

      Elimina